Insieme sotto il cielo d'Italia

Condividi
Stampa

Ci mettiamo in viaggio per venire sotto casa tua e portarti una cena firmata da Chef stellati, da gustare con le persone che ami.

ARRIVIAMO PROPRIO SOTTO CASA TUA

Al momento del caricamento della tua foto, scegli la regione in cui vorresti cenare.
Le località definitive verranno stabilite successivamente insieme ai vincitori.


I nostri tredici Chef Stellati

Adriano Baldassarre

Il vissuto personale, le suggestioni e il ricordo sono il presupposto fondante della cucina di Adriano, un cuoco romantico che raccoglie le emozioni per rielabolarle nella tranquillità della sua cucina. Romano di nascita ma di origini abruzzesi, il quarantenne Adriano Baldassarre è noto ai più per la carriera cosparsa di prestigiose collaborazioni - con Locatelli a Londra, con Antonello Colonna a Labico, ma anche esperienze da solista alla guida del Tordo Matto di Zagarolo - dove ha conquistato la stella Michelin nel 2007, e come chef resident al Cafè Les Paillotes di Pescara, di Heinz Beck.

Matteo Baronetto

Baronetto descrive il suo modo di lavorare come “improvvisazione ragionata”: un esercizio costante di equilibrio fra intuito e riflessione, estro e talento nell’esecuzione. Dirompente, sperimentale e colto, vede nella materia prima la protagonista assoluta di una cucina che lavora per sottrazione, al fine di restituire rotondità all’ingrediente utilizzato. Matteo Baronetto, classe 1977, è originario di Giaveno, alle porte di Torino. Approda alla corte di Marchesi all’Albereta di Erbusco, dove ha modo di conoscere Carlo Cracco. Lo segue e firma un suo menù al Ristorante Cracco di Milano. Ritorna a Torino ad aprile 2014, data della riapertura del ristorante Del Cambio, diventandone lo chef. e conquistando la stella Michelin.

Davide Caranchini

Classe 1990, chef e
co-proprietario del ristorante Materia, appassionato di cucina sin dalla tenera età, inizia frequentando l'istituto alberghiero a Como, e una volta diplomatosi, parte per una serie di importanti esperienze internazionali, tra cui spiccano, su tutte, Le Gavroche e l'Apsleys a Londra e il Noma a Copenaghen. La sua è una cucina in cui è ben visibile un legame con le tradizioni, ma allo stesso tempo lo sono la sperimentazione e la ricerca, così come la contaminazione culturale dettata dai viaggi fatti. Ottiene la sua prima stella Michelin a novembre 2018 e a novembre 2019, il ristorante Materia viene inserito nella 50 best Discovery, la celebre lista che racchiude i migliori ristoranti al mondo.

Caterina Ceraudo

Elegante, volitiva e solare, Caterina non è solo una delle più giovani chef italiane stellate, ma anche la più coraggiosa. Nel 2012, prima di entrare a far parte della sua azienda a conduzione familiare, sceglie uno dei migliori e più dirompenti Chef italiani, Niko Romito. I Ceraudo sono famosi nella loro città, Crotone, come pionieri indiscutibili nell'agricoltura biologica. La loro proprietà è circondata da spettacolari vigneti, ulivi e un bosco di agrumi racchiuso tra le montagne e il mare. Dalla sua famiglia, Caterina ha ereditato la sua devozione alla terra e agli ingredienti di alta qualità che offre quando trattata con cura.

Lorenzo Cogo

Lorenzo Cogo, classe 1986, il suo cognome, in dialetto veneto, significa “cuoco”: un cognome, un destino. Figlio e nipote di cuochi, intraprende questo cammino per pura passione ma con una grande determinazione nel raggiungere i suoi obiettivi prefissati. Durante il suo percorso formativo ha l’opportunità di viaggiare e arricchire il suo stile. Questo bagaglio internazionale di esperienze gli serve per portare a compimento il suo grande sogno: quello di aprire il suo ristorante personale nella terra dove è nato. Lorenzo, a soli 25 anni, un anno dopo l’apertura del suo ristorante El Coq, conquista la Stella Michelin diventando uno tra i più giovani Chef Stellati nel panorama italiano.

Stefano Deidda

Classe 1982, nel 2004 si classifica come primo studente del corso presso l’Alma accademia internazionale di cucina Italiana. Durante il suo percorso formativo ha modo di entrare in contatto con numerose realtà del panorama nazionale, fino ad approdare a Villa Crespi con Antonino Cannavacciuolo. Rientrato presso il ristorante di famiglia Dal Corsaro ottiene diversi riconoscimenti come miglior Chef emergente e nel 2016 ottiene la prima stella Michelin. Durante la sua carriera ha modo di approfondire maggiormente il suo stile culinario, fino a ottenere tre cappelli per la guida Espresso nel 2020.

Felix Lo Basso

Felice Lo Basso nasce a Molfetta nel 1973 e compie il suo apprendistato in grandi ristoranti gourmet in Italia e all’estero. Nel 2011 viene insignito per la prima volta della prestigiosa stella Michelin. Intuizione, fantasia, innovazione e creatività sono i pilastri della sua proposta enogastronomica. Dotato di uno stile raffinato, sempre in gioco tra creatività e ricerca, fa della qualità e del rispetto delle materie prime il suo punto di partenza. La sua cucina è nata al mare ed è cresciuta in montagna: il trait d’union è la ricerca dei prodotti di qualità, la voglia di sperimentare forme e colori, di mixare i gusti.

Tony Lo Coco

Lo Coco nasce a Palermo nel 1974, durante il suo percorso formativo in cucina entra in contatto con varie realtà nazionali. La sua terra è una intersezione costante e stimolante di modi di dire, modi di essere, modi di pensare e di agire, che si riflettono nelle tradizioni culinarie. La sua cucina è una miscellanea di tantissime contaminazioni che prendono le mosse da ciò che conosciamo, in assoluto, in modo diretto ed interiore: la cucina di casa, le ricette che da bambini erano il buongiorno quotidiano di tutte quelle mamme e nonne che giornalmente erano impegnate in cucina a creare, immaginando di già quella idea di cucina sostenibile e sana che io ritengo geniale.

Luca Marchini

Luca Marchini, un’anima toscana d’origine cresciuta a Modena. Della cultura gastronomica emiliana e della forte vocazione alla Cucina sperimentale ha fatto uno stile di vita, un mestiere e un’espressione di crescita personale. Dopo un’intesa formazione in diversi ristoranti stellati tra Italia ed estero, realizza il suo progetto più importante: L’Erba del Re nasce nel 2003. Non soltanto un ristorante, piuttosto il laboratorio dove poter sperimentare i molteplici “concetti e racconti del cibo” ed esprimere quella che rappresenta l’essenza della sua arte culinaria: equilibrio, rispetto e valorizzazione della materia prima. Numerosi i riconoscimenti, da La Guida dell’Espresso e Gambero Rosso. Nel 2008 ottiene la stella Michelin.

Errico Recanati

Nato e cresciuto in un ristorante di tradizione nella cucina italiana con una storia di 60 anni, la pasta è un elemento imprescindibile nei suoi menu. Errico Recanati, terza generazione e chef del Ristorante Andreina di Loreto, non ha semplicemente continuato la tradizione di famiglia di spiedo e brace ma l'ha amplificata grazie all'uso di nuove tecniche per far riaffiorare quei sensi ormai lontani delle origini della cucina marchigiana. Nasce così l’idea di una cucina neorurale: dove la tradizione acquisita nel tempo si fonde con le nuove tecniche e la ricerca di oggi. Una ricerca che può essere definita innovativamente primordiale: centro di tutto è la brace e lo spiedo che viene esaltato dal supporto di tecniche sperimentali e originali. “Il piatto è sapore e natura, là dove si parla di verità degli ingredienti. È l’unico modo per esprimere la semplicità e infatti sto lavorando sempre più con meno elementi.”

Roberto Rossi

Roberto nasce nel Febbraio del 1972 in un luogo a cavallo tra la Val d’Orcia e le terre del Brunello. Approda alla Locanda Silene conseguito il diploma, iniziando il suo percorso professionale in cucina. Con il tempo sviluppa la sua visione dei piatti del territorio e, qualche anno più tardi, diviene Chef Owner dello stesso ristorante. Amando il proprio luogo natio e la campagna, Roberto sceglie anche di dedicarsi all’ olio denocciolato, avviando una sua produzione. Nel 2014 la sua cucina territoriale ed i suoi piatti essenziali vengono premiati con una stella Michelin. Se oggi chiedessimo a Roberto che cosa lo ha portato a dedicare la propria vita alla cucina, lui risponderebbe “necessità-virtù” e che che la cosa più bella è far godere il cuore e il palato dei propri ospiti.

Luigi Taglienti

Con lo studio e la ricerca Taglienti ha sentito la necessità di rielaborare i piatti attraverso una forma più intima, con istinto e naturalezza, mettendo a punto uno schema gustativo unico e difficilmente imitabile, leggendo attentamente il tempo, la sua terra e i luoghi del suo vissuto. Taglienti nasce a Savone nel 1979 e durante la sua esperienza formativa lavora in vari ristoranti stellati, anche in Francia, ritornando in Italia nel 2004, quando sotto la guida di Cracco continua il suo percorso fino al raggiungimento della stella Michelin nel 2007 nel ristorante Delle Antiche Contrade a Cuneo.

Marianna Vitale

Classe 1980, nata a Napoli e votata religiosamente al culto del cibo, nel maggio 2009 ha aperto Sud Ristorante con Pino Esposito a Quarto Flegreo, in provincia di Napoli. Cucinare in un ristorante per lo chef è fatica, tenacia, scommessa costante. Nel 2012 il suo ristorante è insignito di una stella Michelin. Marianna è miglior cuoca d’Italia per le guide ai ristoranti de L’Espresso e di Identità Golose per l’anno 2015. Nello stesso anno l’impepata di Marianna è piatto dell’anno per Il Mattino di Napoli. Sud Ristorante è il miglior ristorante italiano per Proposta di Pasta per le guide del Gambero Rosso 2020.

LA GIURIA

Saranno quattro i membri della giuria che, insieme al team Barilla, sceglieranno gli scatti più originali.

Simone Bramante

Direttore creativo e fotografo
Simone Bramante è direttore creativo e fotografo italiano. Il lavoro di Simone si concentra sulla cattura delle emozioni, stili e colori attraverso le sue storie, sviluppando progetti personali e commerciali utilizzando il suo caratteristico modo di narrare. Crede che una storia sia un modo incisivo per raccontare la vita con elementi come l'autenticità, i messaggi e le emozioni.

Benedetto Demaio

Influencer
Benedetto Demaio nasce a Bagnara Calabra, sul mar Tirreno, da cui prende il turchese che diventerà una sorta di firma cromatica caratteristica delle sue opere artistiche. Docente accademico di arte, content creator su Instagram, formatore universitario di nuove tecnologie per la didattica, lavora nel mondo della creatività sempre alla ricerca di nuove tendenze nelle arti visive.

Paolo Previati

Socio Fondatore Winning
Nel 1997 fonda Winning insieme al fratello Marco e da oltre 35 anni si occupa di ideare, sviluppare e gestire Progetti Promozionali.
Da sempre appassionato di Fotografia e Viaggi, negli ultimi anni è stato uno dei pionieri delle riprese aeree (foto e video) mediante utilizzo di Droni.

Shanti Winiger

Influencer
Shanti Winiger è originaria di Locarno. La sua passione è il suo canale YouTube dedicato allo sviluppo personale, all’universo LGBT e a quello immaginario di libri e film. Attraverso cuore, costanza e collaborazioni è riuscita ad affermarsi e costruire attorno a sé una community affezionata, diventando una protagonista della webserie su Youtube What a Secret.